Sportwig Blog

Sport a 360°: Notizie, curiosità e interviste dal mondo dello sport

Nicola Gatto, ex giocatore di rugby professionista classe ’87 originario di Padova, in carriera ha vestito le prestigiose maglie di Petrarca Rugby, Rugby Rovigo e Mogliano. Proprio durante la sua militanza trevigiana conosce la video analisi e se ne innamora. Oggi Nicola Gatto è il responsabile Video Analyst del Benetton Rugby, il club numero 1 in Italia. Con lui andremo a parlare della video analisi adottata nel rugby professionistico, un settore che in Italia si è sviluppato un pò tardi rispetto al resto d’Europa e del mondo. 

Il ruolo del video analyst nel rugby moderno è fondamentale soprattutto ad alto livello, quando si è evoluta questa figura negli ultimi anni?

“Sicuramente in Italia siamo partiti in ritardo rispetto al resto d’Europa, quindi inseguiamo un pò quello che si fa all’estero. E’ importante innovare, capire e apprendere da altre realtà. All’estero analizzano per certi aspetti dei dettagli diversi dai nostri, particolari che anni fa non si guardavano ma che ora sono fondamentali. Le variabili sono tante a livello statistico sulla prestazione, quelle di 5 anni fa non sono le stesse di oggi nell’economia della partita. E’ fondamentale rimanere aggiornati”. 

In altri sport come ad esempio il volley la video analisi live è molto usata dagli allenatori, l’acquisizione di determinati dati sull’avversario durante la partita da agli allenatori la capacità prendere decisioni e cambiare il corso della partita. Nel rugby invece?

“Per alcune situazioni di gioco come ad esempio la touche è proprio così, durante la settimana studi l’avversario e i suoi movimenti ma se poi in partita variano le giocate a fine primo tempo abbiamo la possibilità di adattare le situazioni.”

Quante ore di lavoro dedichi al giorno alla video analisi? Raccontaci la tua settimana.

“I primi due giorni della settimana sono i più impegnativi. Se giochiamo il sabato alla sera siamo in grado di fornire già qualche dato agli allenatori, la domenica se per i giocatori è il giorno libero per noi è una giornata piena. Subito dopo la partita io e il mio collega presentiamo i dati, mentre la domenica terminiamo l’analisi della partita giocata. Da lunedì parte la video e analisi riguardante lo studio dei prossimi avversari”. 

In allenamento nello specifico cosa si analizza?

“Poco a livello statistico, molto di più a livello di situazioni di gioco utili agli allenatori. Analizziamo se sono stati rispettati i ruoli, le posizioni, i movimenti. In mischia se i giocatori rispettano i focus dettati dallo staff.”

Cosa pensi del progetto Sportwig e cosa vuoi trasmettere agli appassionati del tuo sport tramite i video corsi?

“Il progetto è ottimo, sono contento di farne parte, penso sia un servizio utile ancor di più in questo periodo. Spero l’interesse per la piattaforma continui e si sviluppi anche quando tutto tornerà alla normalità. E’ più semplice seguire un corso “quando hai tempo” comodamente da casa.” “Voglio trasmettere le mie conoscenze nella speranza che altri ragazzi si possano avvicinare a questa realtà. Sarà utile avere dei feedback per confrontaci. Il confronto è fondamentale per crescere e utile per migliorare.”

Il tuo in particolare che video corso è?

“Il mio corso va ad illustrare la video analisi prima, durante e dopo la partita, dalla A alla Z. Si tratta di un primo video corso base, una infarinatura generale ma fondamentale prima di entrare nello specifico”. 

Qualcosa da aggiungere?

“Si. Per una buona video analisi non servono necessariamente software costosi o riprese televisive. Una camera fissa e un software gratuito reperibili facilmente online sono già più che sufficienti per iniziare ad analizzare ed estrapolare dati importanti. Per iniziare serve prima di tutto voglia e pazienza.”