Sportwig Blog

Sport a 360°: Notizie, curiosità e interviste dal mondo dello sport

Lorenzo Abbiati, nato a Gorgonzola (MI), ha scelto di terminare la sua carriera da giocatore all’età di 20 anni per iniziare quella di allenatore partendo dalle giovanili del suo team, l’Argentia Pallavolo Gorgonzola dopo essere stato anche giocatore della prima squadra. Nasce così la passione per una nuova esperienza, quella dello scouting, che lo porta a diventare responsabile della video analisi del Vero Volley Monza. 

La sua prima apparizione nello staff monzese è datata 2013 quando la squadra era in Serie A2, oggi in A1. Nella stagione 2017-2018 ha iniziato a lavorare anche per la nazionale italiana giovanile con la quale nel 2019 ha conquistato un’argento nella FIVB World Championship U21 M, cedendo solo 3-2 all’Iran nella finale di Riffa. Attualmente Lorenzo Abbiati è assistant coach e video analyst del Libertas Brianza Cantù in Serie A2. 

La pallavolo e in particolare la Libertas Brianza Cantù stanno andando avanti nonostante le restrizioni?

“Sì, possono continuare le attività le serie professionistiche e semi-professionistiche ovvero la Super Lega A1, la A2 e la A3. Dalla Serie B in giù è possibile svolgere solo allenamenti, no alle partite”. 

La pallavolo è stata etichettata come lo sport a più alto rischio di contagio, cosa pensi a riguardo?

“Sul fatto dello sport a più alto rischio non me ne capacito, non capisco minimamente il motivo. Ci sono sport come calcio e basket che hanno contatto fisico, immagino sarà per una questione di spazio ridotto. La cosa che mi rende ancora più incredulo è come pensare che la pallacanestro sia meno rischiosa visto che anche questo sport si svolge in strutture chiuse. Il rischio ovviamente c’è anche nella pallavolo, ma dire che è lo sport più rischioso penso sia un’esagerazione.”

Parliamo di Video Analisi. Quanto lavoro c’è dietro a una partita di Volley?

“Parecchio, iniziamo il martedì ad analizzare gli avversari con video e raccogliendo dati. Finiamo al venerdì. Tutte le settimane sono organizzate tre sedute video, una per gli attaccanti, una per la fase di cambio palla e la domenica, prima della rifinitura del mattino, le battute”. 

Quante ore dedichi alla video analisi? Quali sono i tempi di consegna?

“Il lavoro di analisi dell’ultima partita va consegnato entro mercoledì. Io personalmente mi dedico alla video analisi tre ore alla mattina per tre giorni alla settimana, un totale quindi di 8/9 ore.”

Quanto si è evoluto il volley negli ultimi anni dal punto di vista della video analisi? 

“Si è evoluto parecchio. Negli anni '90 ricordo gli Europei quando ero al fianco di Julio Velasco in nazionale. Una manifestazione che ancora non consentiva i passaggio di dati della video analisi alla panchina in modalità live. Ora è possibile, è cambiato radicalmente perché con i dati raccolti in tempo reale i coach possono prendere decisioni fondamentali per l’economia della partita.”

Di quanti video analyst necessita una squadra pro di Volley?

“Almeno uno, a volte due. Le squadre più organizzate e la Nazionale ne hanno almeno due”. 

Cos’è tuttora e cos’è stata per te la pallavolo?

“È stata una sensazione incredibile perché quando giocavo ho avuto l’opportunità di esprimermi con una squadra competitiva, la cosa mi ha permesso di conoscere persone fantastiche. L’amicizia dunque è la parte principale e poi sicuramente c’è anche tanta passione. Ora alleno e faccio il match analyst, passo le mie giornate a guardare e tagliare le partite… Dunque ci vuole davvero tanta passione e dedizione.”

Cosa pensi del progetto Sportwig e cosa vuoi trasmettere agli appassionati di Volley tramite i video corsi?

“Sportwig è sicuramente una piattaforma interessante accessibile a chiunque, è ricca di corsi professionali di varie discipline, utilissimo quindi per gente che lavora nel settore. Penso che nel Volley ci sia poco materiale consultabile riguardo alla match analisi. Il mio corso è utile, in base alle singole risorse, per formarsi e apprendere interessanti nozioni”. 

Il tuo in particolare che video corso è? Cosa andrai a trattare? Perché lo consigli?

“E’ un corso di 45 minuti dove spiego cosa faccio durante le partite e durante la settimana. Spiegando bene in cosa consiste il lavoro di uno scout per far capire l’importanza dei dati statistici. Nella seconda parte di video spiego quali sono le mie mansioni con lo staff durante la settimana, dai fogli gara al montaggio video. Quindi con i miei video vorrei trasmettere passione e tutto quello che c’è dietro al mio lavoro. Lo scout è un lavoro un po’ nell’ombra, ma che ad alto livello è fondamentale. Chi gioca a pallavolo e chi allena a livelli abbastanza alti magari non ha neanche idea di cosa c’è dietro lo studio di una partita. Per questo sono contento di abbracciare questa opportunità e far capire a tutti quanto sia importante la lettura di un match.”

Una tua frase di ispirazione?

“Le strade diritte non hanno mai prodotto piloti vincenti”. 

SEGUI ADESSO IL CORSO VOLLEY MATCH ANALYST

GUARDA IL VIDEO TRAILER